Un tempo vivace porto commerciale, l’antica città di Hoi An esprime ovunque la fusione di influenze culturali diverse cha danno vita ad un insieme armonico e meraviglioso. Il Cao Lau (in vietnamita: Cao lầu) di Hoi An non fa certo eccezione. In questo breve articolo ti presentiamo questo piatto a base di noodles così caratteristico, raccontandoti la sua storia e i suoi segreti.

Cos’è il Cao Lau

Il Cao Lau è il piatto più iconico di Hoi An: questa specialità culinaria è a base di noodles, accompagnati da carne e verdure. Gli spaghetti di riso utilizzati nella preparazione sono unici e rendono il piatto speciale.

Cao Lau

Oltre che con la carne di maiale e la lattuga, i vietnamiti guarniscono il piatto con germogli di soia ed una serie di erbe aromatiche vietnamite come menta, erba cipollina, perilla e coriandolo. A differenza di altri piatti vietnamiti a base di noodles, come la zuppa Pho o il Bun Cha, il Cao Lau viene servito con pochissimo brodo.

Cao Lau

A completamento del piatto, si aggiungono degli elementi per conferirgli una nota croccante. Infatti, generalmente si usano alcuni crostini di riso (preparati con lo stesso impasto dei noodles, ma tagliati a forma quadrangolare e fritti) e talvolta dei pezzettini di pelle di maiale fritta.

Le origini del Cao Lau

Il nome stesso del Cao Lau è particolare, dal momento che non definisce in modo chiaro la natura del piatto. Al contrario, il nome indica il fatto che anticamente questa specialità era riservata ai ricchi. Infatti, in vietnamita “Cao” significa alto, mentre con la parola “lầu” ci si riferisce al piano di un edificio. Dunque, “Cao lầu” significa “piano alto”. Si tramanda che originariamente il Cao Lau fosse appannaggio dei ricchi uomini d’affari. Questi, infatti, erano i soli a potersi permettere di mangiare ai piani più alti dei ristoranti di Hoi An, da cui poter ammirare la città e le sue stradine affollate. 

Cao lầu

L’origine del Cao Lau si spiega ricorrendo all’idea che esso rappresenti una fusione di molteplici influenze culturali. Da questo punto di vista, il Cao Lau è molto rappresentativo della storia stessa che appartiene all’antica città di Hoi An. Infatti, la tecnica di preparazione dei noodles, oltre alla loro consistenza, suggerisce una familiarità con gli udon giapponesi. Inoltre, il modo con cui viene preparato il maiale ha un tocco cinese. Tuttavia, l’aggiunta delle erbe, delle spezie e della nota croccante ne fanno un piatto inconfondibilmente vietnamita.

Acqua di pozzo e cenere

I noodles con cui si prepara il Cao Lau hanno una consistenza elastica e gommosa ed un colore grigio-bruno o giallastro. Queste caratteristiche li rendono unici rispetto a qualunque altro tipo di spaghetto vietnamita. Il loro essere così inconfondibilmente speciali sta nella preparazione.

Infatti, questi spaghetti sono preparati impastando il riso immerso in acqua di liscivia. In pratica si tratta di acqua a cui viene unita della cenere ottenuta bruciando della legna. Ciò crea una soluzione alcalina che permette all’impasto con cui sono fatti i noodles di non disintegrarsi nel brodo bollente.

Drying the Cao Lau noodles. Hoi An speciality.

Il Cao Lau è considerato un piatto speciale non solo per il metodo di preparazione dei noodles ma anche perché la tradizione vuole che la versione autentica si possa trovare solo a Hoi An. Infatti, secondo il mito non sarebbe possibile utilizzare un’acqua ed una cenere qualunque. Al contrario, si tramanda che la cenere debba essere ottenuta bruciando una particolare pianta che si trova nel vicino arcipelago Cham. L’acqua, invece, dovrebbe provenire dall’antico pozzo Bá Lễ di Hoi An.

DSC_8912_edit
il pozzo Bá Lễ, a Hoi An

Si tratta ovviamente solo di una leggenda per spiegare perché il Cao Lau sia nato proprio a Hoi An e del perché sia un piatto fortemente legato al suo territorio. Oggi le famiglie non attingono più l’acqua dall’antico pozzo né ricavano la cenere dalla legna proveniente dalle isole Cham. Ciononostante, il Cao Lau non si è diffuso nel resto del Vietnam: per questo motivo, Hoi An resta senza dubbio il miglior posto in cui poterlo gustare.

Ti potrebbe piacere: