Fin dai primi casi registrati in Cina, il governo vietnamita ha adottato misure severe contro la diffusione del Coronavirus (COVID-19), che hanno riguardato anche il visto per il Vietnam. In questo articolo, in continuo aggiornamento, raccogliamo le cose da sapere sul Coronavirus in Vietnam nel 2022. Qui trovi le informazioni più aggiornate sulla situazione in Vietnam e ti spieghiamo se e come oggi si può fare un viaggio turistico nel Paese.

Parte I: domande e risposte

Coronavirus: si può andare in Vietnam?

A seguito della diffusione del “nuovo coronavirus” (Covid-19), il Governo vietnamita aveva introdotto stringenti misure che impedivano o limitano fortemente l’ingresso di cittadini stranieri. Per questo motivo, in questo breve paragrafo ti spieghiamo se si può andare in Vietnam.

👉 Dal 15 marzo 2022 i turisti possono tornare a viaggiare in Vietnam.

Possono entrare in Vietnam anche diplomatici, delegazioni ufficiali, investitori, esperti tecnici, lavoratori altamente qualificati e dirigenti d’impresa tramite apposito visto la cui procedura deve essere attivata dai soggetti invitanti (datore di lavoro oppure società invitante).

Quali sono i requisiti per viaggiare in Vietnam?

Se stai pianificando un viaggio in Vietnam, è fondamentale conoscerei requisiti necessari per entrare nel Paese. Per questo motivo, qui di seguito ti segnaliamo quali sono le notizie più recenti.

👉📢 Le autorità vietnamita hanno comunicato che si può entrare in Vietnam per turismo a partire dal 15 marzo 2022.

Visto ed esenzione del visto

E’ stato riattivato il sito istituzionale del Vietnam che permette di richiede il visto online per soggiorni fino ad un mese: si accede da qui. Si può consultare la sezione Come richiedere il visto per il Vietnam online della nostra Guida completa al visto per il Vietnam per maggiori informazioni sulla procedura.

Con la Risoluzione numero 32/NQ-CP il governo vietnamita ha ripristinato l’esenzione del visto per i cittadini di tredici nazionalità, tra cui gli italiani. L’esenzione del visto, che era in vigore prima dello scoppio della pandemia, consente di entrare in Vietnam senza visto per soggiorni che non superino i 15 giorni (ne scriviamo diffusamente in questo articolo). La Risoluzione prevede che questa esenzione durerà tre anni, dal 15 marzo 2022 al 14 marzo 2025.

Tamponi e quarantene

Dal 15 maggio 2022 per entrare in Vietnam non è più necessario fornire un certificato di test Covid-19 negativo attraverso tampone molecolare (RT-PCR) effettuato entro 72 ore dalla partenza oppure con tampone antigenico rapido entro 24 ore. All’arrivo, i viaggiatori non sono obbligati a sottoporsi a quarantena.

I turisti devono scaricare l’app PC-Covid da utilizzare durante il loro soggiorno in Vietnam.

È necessario disporre di un’assicurazione sanitaria con una copertura minima del valore di 10.000 dollari, che copra anche il caso di contagio da COVID-19.

👉 Leggi anche: un aiuto per organizzare il prossimo viaggio in Vietnam

Come posso conoscere nel dettaglio gli aggiornamenti sulle modalità di riapertura al turismo internazionale in Vietnam?

Facciamo il possibile per aggiornare quotidianamente questo articolo. Perciò, puoi salvare questa pagina tra i preferiti e tornare a controllare ogni volta che vuoi. Puoi anche iscriverti alla nostra newsletter: la inviamo una sola volta al mese (l’ultimo giorno di ogni mese) e contiene i principali aggiornamenti e gli ultimi articoli pubblicati sul sito. È gratuita e puoi iscriverti cliccando qui o inserendo il tuo indirizzo email nel campo qui sotto:

Inoltre, puoi iscriverti al nostro canale Telegram e seguirci su Facebook e Twitter.

Gli altri strumenti che ti consigliamo di monitorare sono:


Parte II: una panoramica della situazione Covid in Vietnam nel 2022

Situazione Covid in Vietnam: i dati in tempo reale

In questa sezione ti mostriamo le statistiche del coronavirus in Vietnam nel 2022. Qui di seguito trovi una panoramica delle statistiche ad oggi, in particolare la situazione dei contagiati al Covid in Vietnam, i casi di guarigione ed il numero di morti.

I casi di Covid in Vietnam

Il Vietnam aveva registrato due ondate di contagio del coronavirus nel 2020: quell’anno il totale dei casi registrati si era fermato a quota 1.465. Nel 2021 la “terza ondata” era stata causata da un focolaio scatenato a fine gennaio nella provincia settentrionale di Hai Duong. La “quarta ondata” era invece iniziata il 27 aprile 2021 con una serie di contagi registrati in alcune zone del Paese, tra cui Bac Giang e Bac Ninh. A fine giugno l’epicentro di contagio era diventato Ho Chi Minh City, con un vertiginoso aumento dei contagi nel Paese. Il 28 dicembre le autorità vietnamite avevano reso noto che una persona arrivata dal Regno Unito il 19 dicembre risultava la prima ad essere infetta dalla variante “Omicron”.

⬆ (i casi registrati in Vietnam dall’inizio della pandemia)

Il numero dei casi di positività al coronavirus registrati in Vietnam era stato piuttosto basso nel 2020, per poi incrementare considerevolmente nel 2021 durante la “quarta ondata”. Il grafico in basso mostra una comparazione tra Italia e Vietnam. Nello specifico, il grafico evidenzia i casi di Covid confermati nei due Paesi:

⬆ (confronto tra i casi registrati in Italia e in Vietnam dall’inizio della pandemia)

⬆ (lo stesso grafico di sopra, ma considerando solo i casi registrati da gennaio 2022)

I morti in Vietnam a causa del Covid

Nel 2020 in Vietnam erano morte 35 persone a causa del Covid. I casi di decesso si erano concentrati tra il 30 luglio (a sei mesi dal primo caso di positività al coronavirus registrato in Vietnam) e il 9 settembre 2020. La prima morte del 2021 causata dal Covid si era registrata il 15 maggio, nel corso della “quarta ondata” di contagio in Vietnam. Il grafico qui di seguito mostra la progressione temporale del numero di morti a seguito del Covid in Vietnam:

Le vaccinazioni in Vietnam

La campagna vaccinale in Vietnam è partita il 7 marzo 2021. Il Vietnam è tra i paesi beneficiari del programma internazionale COVAX (“Covid-19 Vaccine Global Access”) che mira a di fornire in tutto il mondo, e in particolare ai Paesi poveri, un uguale accesso ai vaccini anti-covid.

⬆ (andamento della somministrazione di vaccini in Vietnam)

⬆ (percentuale di popolazione vaccinata in Vietnam a confronto con gli altri paesi ASEAN)

Ti potrebbe piacere:

7 commenti

  1. Dovrei partire il 23 Aprile x il Vietnam, visto i contagi in forte aumento è saggio rimandare o posso andare tranquillo io ho 3 dosi fatte.

    1. Ciao Renzo, grazie per il messaggio! Come vedi qui ci impegniamo quotidianamente a fornire a chi ci legge tutte le informazioni utili per potersi fare al meglio un’idea della situazione epidemiologica in Vietnam e per capire quali sono i requisiti per entrare nel Paese. Resta ovvio il fatto che l’apertura del Vietnam al turismo internazionale non significa avere la certezza di non contrarre il coronavirus. A tal proposito, restano valide tutte le precauzioni dettate da prudenza e buonsenso che abbiamo imparato in questi due anni che è bene adottare ovunque nel mondo.

  2. Sono 11 anni che vado in Vietnam, anche perché mio figlio lavora e vive a Saigon dove ha sposato una vietnamita, solitamente la Visa aveva un massimo di 3 mesi come ho sempre fatto, ora leggo da voi che il governo vietnamita permette solo 1 mese, è vero o vige ancora i 3 mesi di permanenza?.. GRAZIE!

    1. Ciao Nicola, l’e-visa (cioè il visto che si richiede online attraverso il sito governativo che abbiamo indicato) esiste dal 2017. Da allora, questa procedura ha sempre e solo concesso la richiesta di un visto turistico valido 30 giorni ad entrata singola. In questa prima fase di riapertura le autorità governative stanno permettendo di richiedere il visto solo attraverso questa piattaforma. Tuttavia, è lecito aspettarsi in futuro un ripristino della possibilità di richiedere il visto “tradizionale” presso le rappresentanze diplomatiche e/o un ampliamento delle tipologie di visto richiedibili sulla piattaforma online. In ogni caso, troverai la notizia su questa pagina 🙂

  3. Buongiorno,
    sono un amante del Viet Nam, del suo popolo e della sua cultura e sto anche studiando per mio conto la lingua Vietnamita con buoni risultati.
    Sono stato tante volte in Viet Nam, la prima volta fu’ nel lontano 1992 , e da allora ci sono tornato regolarmente fino alla fine del 2019. Vi chiedo se e’ possibile , come prima del periopdo Covid, ottenere un visto di 3 mesi. Sono un pensionato e una permanenza di 15 giorni e’ per me troppo breve, tenendo conto che tra viaggio di andata e ritorno e trasferimenti vari andrebbero via 2 o 3 giorni.
    Vi ringrazio in anticipo per l’ eventuale risposta.

    Stefano dalla provincia di Brescia.

    1. Ciao Stefano, grazie per il tuo messaggio a cui rispondiamo con piacere! Nel momento in cui scriviamo non è ancora possibile ottenere un visto di 3 mesi, ma le cose potrebbero cambiare. Tuttavia ti segnaliamo che, come alternativa all’esenzione del visto di 15 giorni, al momento puoi richiedere online un visto turistico valido trenta giorni attraverso questo sito governativo dedicato. Un saluto!

      1. Molte grazie per la risposta, vedro’ di fare questo visto online di 30 giorni. Mi manca molto la vivacita’ del Viet Nam e non vedo l’ ora di tornare e incontrare di nuovo tutti i miei amici Vietnamiti di Ha Noi.
        Toi rat yeu Viet Nam !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.