Alcuni lo chiamano Vu Lan Festival, altri Xá tội vong nhân, per altri ancora è il Trung Nguyen Festival: quale che sia il nome utilizzato, si tratta di una importante festività spirituale vietnamita. Si celebra a metà del settimo mese lunare: quello chiamato “mese dei fantasmi”, durante il quale si dice che il mondo degli spiriti sia aperto a quello degli umani. Per questo motivo la festa è il giorno dedicato alle anime erranti in cerca di misericordia. Tuttavia, è anche ciò che più si avvicina alla nostra Festa della Mamma

Hoa đăng lễ Vu Lan

Durante il festival di Vu Lan (in vietnamita: mùa Vu lan), molti vietnamiti visitano il loro tempio locale per onorare la loro famiglia e i loro antenati con offerte votive. Alcuni eseguono una lavanda dei piedi ai loro genitori, altri indossano sul petto una rosa in onore della loro madre. Nella città di Hoi An, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, i vietnamiti accendono piccole lanterne di carta per i loro cari e le adagiano sul fiume Hoài.

L’origine della festività

Il festival di Vu Lan è un evento ideale e speciale per i visitatori stranieri che vogliono scoprire la cultura del Vietnam, sperimentare e capire di più sui valori vietnamiti. Dietro questa festività molto importante c’è una leggenda sulla sua origine e sul suo significato.

Un giorno Muc Kien Lien, uno dei dieci principali discepoli del Buddha, mentre meditava si accorse che sua madre stava soffrendo le torture dell’inferno a causa di azioni malvagie nella sua vita precedente. Si rivolse al Buddha, che  gli consigliò di riunire un gruppo di monaci e devoti per pregare per il sollievo di sua madre la settima luna piena dell’anno (il “Tet Trung Nguyen”). Le loro preghiere si rivelarono così potenti da liberare non solo la madre di Muc Kien Lien, ma anche molte altre anime. Da allora, il festival di Vu Lan si tiene il quindicesimo giorno del settimo mese lunare in onore delle madri e si crede che le porte del mondo degli spiriti siano aperte per dare sollievo alle anime tormentate.

Il giorno delle anime erranti

Molti vietnamiti credono che ogni persona abbia due anime: una è spirituale (Hon), l’altra è materiale (Via). Quando una persona muore, la sua anima viene portata davanti a un tribunale, e viene ricompensata o punita sulla base della condotta della persona sulla terra.

Secondo la credenza, le anime peccaminose possono essere assolte dalla loro punizione e liberate dall’inferno attraverso le preghiere recitate dai vivi il primo e il quindicesimo giorno di ogni mese lunare. Inoltre, si ritiene che il Giorno delle anime erranti (il “Tet Trung Nguyen”) sia il momento migliore per ottenere un’amnistia generale per tutte le anime. In questo giorno, si dice che le porte del mondo degli spiriti si aprano e che le anime volino via, nude e affamate. Coloro che hanno parenti tornano alle loro case e villaggi e trovano cibo in abbondanza sugli altari di famiglia.

Mùa Vu Lan

Coloro che non hanno parenti o sono stati abbandonati dai vivi sono condannati a vagare impotenti. Sono proprio queste tristi “anime erranti” ad aver più bisogno di cibo e preghiere. Per questo nelle pagode e in molti luoghi pubblici vengono collocati ulteriori altari pieni di offerte.

La celebrazione del festival di Vu Lan

II vietnamiti celebrano questa giornata in tutto il paese: nelle pagode buddiste, nelle case, nelle aziende, nelle fabbriche, negli uffici governativi e nelle unità delle forze armate. Non è solo una festa buddista. In generale, è celebrato da tutti i vietnamiti che credono in un’esistenza divina. Questo significa che il modo di celebrare questa festività varia enormemente da una zona all’altra del Vietnam, e che ci sono differenze anche a seconda del credo religioso delle singole famiglie.

Le offerte ai propri antenati
Lễ rằm tháng Bảy - Vu Lan Báo Hiếu

In generale, la mattina del festival di Vu Lan, sull’altare di famiglia i vietnamiti pongono un ricco vassoio con vari piatti prelibati. Il capofamiglia brucia incenso e carta votiva, invitando gli antenati a tornare a casa e celebrare la festa con la famiglia. Dopodiché, tutti i membri della famiglia si riuniscono e si godono un pranzo insieme. Il pasto vegetariano è quello più indicato in questo giorno particolare.

Il ricordo della mamma

Durante la giornata alcuni vietnamiti sono soliti appuntarsi una rosa sul petto. Tradizionalmente il fiore è rosso se la mamma è ancora viva, mentre è bianco se non c’è più.

Le preghiere per le anime erranti
Ullambana- Pagode Phat Hue 2009-93

Di sera viene celebrata una cerimonia per l’assoluzione delle anime vagabonde, cioè delle persone morte senza una discendenza che possa venerarle e che quindi sono condannate a condurre una vita errante nel mondo delle ombre. Le persone offrono cose a buon mercato: patate dolci bollite, manioca, mais, riso alla griglia, torte di riso (bánh da), frutta o porridge di riso. Alcuni vietnamiti mettono questi doni sui cespugli o nell’angolo di un giardino in modo che le anime vecchie e deboli non debbano lottare per il loro cibo tra la folla.

Di notte, alcuni vietnamiti accendono delle lanterne e le adagiano sul fiume. Le lanterne ne seguiranno la corrente e porteranno con sé i loro desideri. I vietnamiti credono che così facendo, i loro desideri per i genitori si avvereranno. 

Quando si festeggia il festival di Vu Lan

Il Tet Trung Nguyen, cioè il Giorno delle anime erranti, cade il quindicesimo giorno del settimo mese lunare. È in questo giorno che si celebra il Festival di Vu Lan.

Le date per celebrare questa festività sono:

  • 22 agosto 2021
  • 12 agosto 2022
  • 30 agosto 2023

Tutto sommato, il significato del festival Vu Lan non è solo quello di commemorare gli antenati e adorare le anime erranti, ma anche ricordare alle persone di rispettare ciò che hanno: i loro genitori, la famiglia e i parenti. Mentre noi occidentali abbiamo la Festa della Mamma, i vietnamiti ricordano l’esempio di Muc Kien Lien per alleviare le sofferenze della propria madre per rendere omaggio ai loro cari.

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.