untitledA BOLOGNA AVRÀ LUOGO L’INAUGURAZIONE DEL COMITATO EMILIA-ROMAGNA DELL’ASSOCIAZIONE ITALIA-VIETNAM. SEGUIRÀ L’ESPOSIZIONE IN ANTEPRIMA DEL PROGETTO “VIETNAM-DUALITY” DELL’ARTISTA ROBERTO SILVESTRINI GARCIA.

Sabato 31 gennaio alle 17.00, presso la Sala Tassinari di Palazzo D’Accursio, a Bologna, si terrà la cerimonia di inaugurazione della nuova sede del Comitato per l’Emilia-Romagna dell’Associazione Nazionale Italia-Viet Nam.

L’Associazione si pone l’obiettivo di favorire gli scambi culturali e scientifici tra i due Paesi, con la convinzione che siano necessarie una reciproca conoscenza e una più profonda amicizia, fin dalla sua fondazione.

Nasce infatti dall’esperienza del precedente Comitato Nazionale Italia-Viet Nam. Costituito nell’ambito della “Conferenza permanente di Stoccolma per la pace e l’indipendenza dell’Indocina” proclamata il 10 febbraio 1971, in seguito alla forte preoccupazione manifestata dalla società civile e dai principali leader politici internazionali, in particolare europei, verso le conseguenze devastanti che le azioni militari americane avrebbero portato nel sud-est asiatico, il Comitato decide di dimostrare la propria solidarietà al popolo vietnamita e alla sua lotta per l’indipendenza e la libertà, con azioni concrete.

Così, organizza una campagna di sensibilizzazione capillare per coinvolgere tutte le categorie sociali affinché ognuno possa contribuire alla causa. I risultati di quest’impresa collettiva prendono forma nel progetto dell’“Australe”, una motonave che salpa dal porto Andrea Doria di Genova il 17 novembre 1973, trasportando beni di prima necessità e altri materiali utili al sostentamento e al primo soccorso. Principale protagonista è il carismatico Luciano Sossai, portuale della Compagnia Unica Lavoratori del Porto e successivamente membro del Comitato, che si espone in prima linea per la buona riuscita della missione.

Terminata la guerra con la vittoria del Viet Nam contro gli Stati Uniti, a metà anni Settanta, le attività del Comitato proseguono a sostegno della ricostruzione del Paese, martoriato dal conflitto.

Dieci anni dopo, nel 1986, si avverte l’esigenza di far maturare e ampliare il raggio d’azione di questo movimento, che fin dalla sua istituzione ha rivendicato il suo carattere popolare.

Si costituisce quindi l’Associazione Italia-Viet Nam per l’amicizia, la cooperazione e gli scambi scientifici e culturali (nome completo dell’organizzazione – in breve, Associazione Nazionale Italia-Viet Nam) così come la conosciamo oggi, che eredita e diventa portavoce dell’insegnamento universale che quella pagina di storia del Viet Nam e del Comitato italiano rappresenta.

Nel corso degli anni, l’Associazione ha sviluppato una rete sociale solida e radicata su tutto il territorio nazionale, con l’apertura di sezioni a livello locale: da Torino a Venezia, passando per Genova e Milano, e arrivando fino a Roma. Nel 2014, come impegno per l’implementazione del partenariato strategico tra Italia e Viet Nam, ha aperto due nuove sedi: Sassari e Cagliari.

Adesso è la volta di Bologna e dell’Emilia-Romagna. Che non sono state estranee alle mobilitazioni di solidarietà verso la penisola asiatica.

Il capoluogo emiliano e le principali città della regione hanno collaborato con massima partecipazione ai preparativi della motonave “Australe”: dando diffusamente informazioni circa la gravosa situazione vietnamita e raccogliendo una buona dose di materiali di vario tipo, hanno dimostrato un impegno attivo nel progetto. E il primo Presidente della neonata Associazione è stato il Senatore Enzo Enriques Agnoletti, politico impegnato in prima persona contro ogni forma di fascismo, per l’indipendenza e la libertà dei popoli, nonché già membro del Consiglio direttivo dell’Associazione, originario proprio di Bologna.

Inoltre, negli ultimi due anni, la Regione Emilia-Romagna ha attivato diversi programmi a favore della promozione e della cooperazione culturale ed economica con il Viet Nam, confermando il suo ruolo di unità amministrativa locale protagonista nelle relazioni bilaterali fra i due Paesi.

La cerimonia si arricchisce dell’esposizione in anteprima della retrospettiva “Vietnam-duality”, un progetto di Roberto Silvestrini Garcia, eclettico artista venezuelano e direttore della galleria Barcel-one, con sede a Barcellona.

Garcia si divide tra pittura, scultura, fotografia, illustrazione e incisione. Contro le etichette e i formalismi, si dedica al disegno industriale e alla sperimentazione di nuovi impieghi di materiali come la ceramica, la cera, i tessuti, a rimarcare l’idea di eterna trasformazione, di movimento e duttilità delle opere d’arte a partire dai loro elementi costitutivi.

La sua continua ricerca lo porta anche in Italia. A Milano e Roma, dove collabora con grandi firme della moda italiana, da Giorgio Armani e Trussardi a Cavalli e Valentino, per edizioni limitate di varie collezioni.

“Vietnam-duality” fa emergere con grande schiettezza e vibrante potenza le contraddizioni del Viet Nam contemporaneo, sospeso tra una crescita economica esponenziale e i cortocircuiti che questo sviluppo comporta a livello sociale, con un richiamo quasi nostalgico a un passato più genuino e autentico. La peculiare sensibilità dell’artista riesce a cogliere le incongruenze, effetti forse ineludibili, del processo di espansione economica, che vengono perfettamente tradotte nel linguaggio iconico, grazie a un gioco di contrasti tra immagini sovrapposte.

“Il Viet Nam è stato uno dei Paesi più invasi nella storia. Tuttavia, con orgoglio, è riuscito sempre a cacciare via le potenze occupanti più grandi: Cina, Francia, Stati Uniti e Giappone; ma l’ultima invasione è silenziosa, insidiosa come un serpente… È il consumismo”, dichiara l’artista aprendo una riflessione sulla sostenibilità di un determinato modello socio-economico diffuso in tutto il mondo.

L’iniziativa, infine, diventerà anche occasione per un confronto tra i nuovi soci e gli iscritti di lungo corso. Si dedicherà spazio al tesseramento e al suo rinnovo, per chi desidera aderire e partecipare in prima persona alle attività culturali promosse dall’Associazione.

Il referente e segretario della sezione emiliana dell’Associazione sarà il Dott. Francesco Maringiò, che intereverrà alla cerimonia. Tra i partecipanti, saranno presenti Nguyen Maily Anna Maria, Segretario dell’Associazione Nazionale Italia-Viet Nam e Temporary export manager per Unioncamere Emilia-Romagna, e Sandra Scagliotti, Console onorario della Repubblica socialista del Viet Nam.

Sono stati invitati all’evento, infine, S.E. Nguyen Hoang Long, Ambasciatore della Repubblica socialista del Viet Nam in Italia, Sen. Fausto Cò, Presidente dell’Associazione Nazionale Italia-Viet Nam, e Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna.

L’ingresso è libero, previo accredito via mail all’indirizzo: itaviet.rer@gmail.com

Per maggiori informazioni, di seguito i contatti utili:
Fabiola Pusceddu – tel.: 340/7002260
Francesco Maringiò – tel.: 335/6139688
Nguyen Maily Anna Maria – tel.: 328/6172181

Per immagine nell’articolo, foto tratta dalla pagine Facebook ufficiale di Roberto Silvestrini Garcia
Per immagine copertina, foto tratta dal sito ufficiale dell’
Associazione Nazionale Italia-Viet Nam

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.