Loading...
Cultura

50 anni dopo, 15 inni contro la guerra in Vietnam

Il 2 marzo 1965, il presidente statunitense Lyndon B. Johnson, il successore del defunto JFK, ha lanciato l’operazione Rolling Thunder, “il tuono brontolante” nel cielo del Vietnam del Nord.
Questo bombardamento sistematico, che verserà circa un milione di tonnellate di bombe in tre anni, segna l’intensificazione del coinvolgimento degli Stati Uniti nel conflitto meridionale. Sono passati dieci anni da quando gli Stati Uniti lottare contro l’influenza comunista nella regione e contro l’avanzata di Ho Chi Minh vietcong. A differenza della politica di disimpegno inizialmente previsto dall’amministrazione americana, il contesto politico porta Lyndon B. Johnson a fare la scelta di guerra. Oltre all’Operazione Rolling Thunder, che ha deciso il massiccio invio di truppe di terra e il dispiegamento di diverse migliaia di marines, viene autorizzato l’uso del napalm. Il resto è storia.
Dal mese di marzo 1965, un vasto movimento di opposizione alla guerra scoppiata in America – il più grande nella storia del paese. Attraverso i sit-in, marce per la pace e la posta in gioco di cartoline precetto, che riunisce le varie forze dei manifestanti paese attorno alla stessa causa: la pace, contro il nucleare, attivisti della Nuova Sinistra, comunisti, Beatniks, hippy, studenti radicali, attivisti afro-americani, vari artisti, e presto tutti i giovani del baby boom. I movimenti della cosiddetta contro-cultura si opponevano alla “grande società”, al presidente Johnson,  a Nixon e alla politica militarista, rifiutando la morale e i valori del tradizionale ordine imperialista. L’idea era quella di minare il modello della American Way of Life, richiedono la creazione di un nuovo mondo.

I Cantanti presero, con vigore e determinazione, una posizione. Nella musica, mostrano la loro volontà di cambiare e diventare il portavoce della protesta in onda e le scene di tutto il paese e oltre. Attraverso di loro, la lotta contro la guerra del Vietnam è diventato una delle principali fonti d’ispirazione degli anni sessanta. Decine di brani noti o nome, sono stati scritti per protestare contro la coscrizione e il massacro della giungla vietnamita. Potenti inni sono cantati e ripetuti in coro dai giovani, anche al teatro. Questi capolavori non saranno mai valsi il prezzo dei morti, ma hanno permesso di svegliare l’America e la voce della differenza. Non c’è dubbio che essi hanno anche contribuito a porre fine alla carneficina nel 1975.
Cinquanta anni dopo la fine dei combattimenti nella memoria dei morti e gli attivisti, ecco una piccola selezione dei grandi inni rock contro la guerra in Vietnam, di cui in questo sito viene pubblicata solo una delle canzoni.

Questa canzone di Bob Dylan, pubblicata nel 1963 nell’album Free wheelin ‘Bob Dylan, non specificamente presa per circa la guerra del Vietnam,  è diventato una delle canzoni, degli attivisti per la pace.

Lei che non ha mai fatto niente ‘
Costruire per distruggere 
Si gioca con il mio mondo
Come se fosse il tuo piccolo giocattolo
Hai messo una pistola in mano
E si nasconde dai miei occhi
E si gira e correre più lontano
Quando i proiettili volano veloci
 
Non si può mai fare nulla
Altro che distruggere edificio
Si gioca con il mio mondo
Come se fosse il vostro piccolo giocattolo
Hai messo una pistola in mano
E voi avete bendato i miei occhi
Poi si gira intorno e si scappa

http://Bob Dylan- Masters of War

Articolo completo “Alcuni dei titoli che hanno segnato la protesta pacifista “, di Steven Jezo-Vannier,
Tratto da http://www.cap-vietnam.com/dossiers/societe/50-ans-apres-15-hymnes-contre-la-guerre-au-vietnam.html

Contenuti da non perdere
visto per il vietnam
feltrinelli rough guides vietnam 2018
ATM per prelevare denaro ATM in Vietnam